Buon Sant’Efisio a tutti

Il primo Maggio in Sardegna è soprattutto La festa di Sant’Efisio

La “Ramadura” è un termine che sentiamo spessissimo durante questa processione; questa parola deriva da ramo, o da ramaglie, del tagliare e dell’usare i rami, per infiorare la strada.

Ceramiche realizzate dalle sorelle Ariu

I rami che venivano scelti erano quelli delle piante aromatiche delle quali la nostra Regione è davvero ricca: Alloro, Menta selvatica, Rosmarino, Ginepro, Mirto, Lavanda, Eucalipto, Elicriso, Malva e poi venivano aggiunti petali di rosa di tutti i colori.,

Il Rito della “Ramadura” avveniva non tanto per la piacevolezza di realizzare i tappeti verdi e colorati dai petali di fiori per il passaggio dei cortei, quanto per attenuare l’odore predominante degli escrementi dei buoi e dei cavalli usati per trainare il cocchio e le traccas (i carri da lavoro addobbati per le sagre e le feste religiose), che defecavano e urinavano durante la processione.

Anche quest anno non ci sarà la processione dei fedeli a causa del COVID. Ma il Santo scortato dall’ Arciconfraternita del Gonfalone,sarà posizionato sopra una camionetta militare passerà per le vie del centro per recarsi a Villa Ballero, poi da lì indosserà abiti meno festosi e verra trasferito a “su Loi”.

Molte persone anche quest anno non hanno rinunciato a preparare dei cesti con fiori e rami che verrano lanciati dai propri balconi al passaggio del Santo.

Santu Efisiu martiri santu..protettori poderosu de sardigna speziali liberainosi de mali efis martiri gloriosu.

Foto Rita Elena Pianti

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

On Key

Articoli correlati

Sardegna contagi e colori

di Giulia Loglio La politica si è dimenticata che a far le spese dei suoi maldestri tentativi di gestire la pandemia sono i cittadini, tutti,