Gli occhi di Santa Lucia, la tradizione in Sardegna

L’occhio di Santa Lucia, è diffuso in tutta la Sardegna e si trova facilmente nei fondali bassi in riva al mare, o sul bagnasciuga. Si presume che sia stato associato a Santa Lucia, protettrice della vista, per la sua forma che ricorda vagamente un occhio.

Foto di https://www.instagram.com/p/B_Qo2W-qfjc/?igshid=v8twmeau7f98

Santa Lucia in Sardegna

La relazione fra il grano e la santa esisteva anche in Sardegna. A Ghilarza ad esempio l’11 dicembre i più piccoli andavano a chiedere su trigu de santa Lughia e veniva dato loro, guarda caso, frumento, fave, ceci e altri legumi ma anche sette focacce che si conservavano per il giorno della festa.

Non solo grano ma anche molti dolci a base di sapa. Ancora a Ghilarza si usava il pan di saba, benedetto e distribuito in chiesa, e anche a Quartu Sant’Elena si donava un’arrogheddeddu de pani e saba benedittu.

A Dorgali si preparava sa tìriha e a Orosei sa tìlicca de santa Luchia. A Bono invece si preparava sa cogone de saba, che ancora oggi si prepara in onore di Sant’Antonio.

Si trattava sempre, e questo è piuttosto affascinante, di preparazioni dolciarie terapeutiche. I dolci, grazie all’intercessione del santo, aiutavano nella cura o nella prevenzione di alcuni mali.

A Dorgali ad esempio, mangiando sa tìriha si pregava “Santa Luhia reguardàemi sa vista mia”

Gli amuleti di santa Lucia

Anche in Sardegna Santa Lucia ha a che fare con la vista. Non è solo invocata in una miriade di brebus, ma esiste pure un amuleto a lei dedicato. Si tratta di una conchiglia che da che ricordo anche io chiamo occhio di santa Lucia. Scientificamente è l’opercolo della conchiglia turbo rugosus, chiamato anche fava marina. Di certo c’è che se lo trovi passeggiando lungo la spiaggia, qui a Cagliari si taglia corto “Ho trovato un occhio di Santa Lucia” senza nominare opercoli.

Gioielli realizzati da: https://www.instagram.com/p/CFO1agWoEks/?igshid=1wj8qpseope8r

Gli artigiani hanno fatto della conchiglia un opera d’arte. Ancora oggi viene incorniciato in una lamina d’argento e diventa un bellissimo pendente o viene integrato ad altri amuleti. In altri casi può diventare un bellissimo anello. L’anello viene detto “aneddu de sa meigannia” usato per la cura dell’emicrania. Risulta però più comune l’amuleto in forma di pendente usato a tutela della vista o contro il malocchio.

Gioiellò realizzato da https://www.instagram.com/p/CFO1agWoEks/?igshid=1wj8qpseope8r

In Barbagia la conchiglia viene chiamata “sa preda de s’okru” anche se non è esattamente una pietra e la si associa a spuligadentes o altri oggetti protettivi.

Attenzione particolare può essere riservata alla parte posteriore della conchiglia, che se incastonata in argento può essere coperta da un pezzo di vetro o da del broccato. Probabilmente era il disegno a spirale ad attirare l’attenzione: può ricordare un embrione umano e per questo in alcuni casi era ritenuto utile contro la sterilità.

Gioiello realizzato da https://www.instagram.com/p/CFO1agWoEks/?igshid=1wj8qpseope8r

I gioielli di Maria Grazia potete trovarli su questo sito https://mgrazia175064202.wordpress.com/

Questo articolo è stato preso in parte dal sito qui sotto riportato http://www.claudiazedda.it/santa-lucia-la-santa-della-luce/?utm_campaign=shareaholic&utm_medium=facebook&utm_source=socialnetwork&fbclid=IwAR11RP2QatgmRwGPRhDK2buGaOqHUalRFFVHhRopdJs1enRxOXnSmBEitQI

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

On Key

Articoli correlati

Il villaggio di Giorgino

Di Mauro Tetti Sei a Cagliari ma non sei dentro la città, il villaggio pescatori, comunemente chiamato Giorgino è un posto magico e allo stesso

Tamponi gratis a Cagliari

Il 6 e 7 marzo, dalle 8,30 alle 13 e dalle 14 alle 18.00, per “Noi Cagliaritani” sarà possibile fare GRATIS il tampone naso-faringeo antigenico