Francesca Randi e le sue fotografie

Oggi andiamo alla scoperta della fotografa Francesca Randi che abbiamo apprezzato quest’estate al Ghetto degli Ebrei per il progetto “A place for Art”
La Randi, sviluppa uno stile personale, onirico, con un immaginario fortemente surreale.
L’identità, l’infanzia e l’adolescenza, il paesaggio notturno in bilico tra
l’incubo quotidiano e la solitudine esistenziale, l’inconscio, il doppio, la
wunderkammer e il perturbante: sono alcuni dei temi affrontati.

Black Summer di Francesca Randi

“Attraverso le mie immagini trovano espressione le proiezioni inconsce, le rimozioni, i desideri e le aspirazioni.

Santa Tenebra
Santa Tenebra
Santa Tenebra


“Tutto ciò che pensavamo fosse rimosso dalla nostra coscienza, complessi infantili, convinzioni personali o pregiudizi, riemerge creando una condizione instabile alla nostra identità e generando uno stato di angoscia” (Freud 1919).

La fotografia, utilizzando lo stesso linguaggio dell’inconscio, ossia le immagini, favorisce la regressione necessaria per entrare in contatto con il proprio perturbante.

“In ogni mio progetto utilizzo l’onirico come elemento di esplorazione fotografica.
La mia è una visione cinematografica e narrativa, per indagare l’universo della psiche, dell’inconscio e del sogno” parole di Francesca Randi

Spesso è la notte con le sue luci irreali e fluorescenti ad accompagnare le mie storie.

Viaggio al termine della notte 2011

Attualmente vive e lavora a Cagliari come fotografa e insegnante di fotografia.
Collabora con varie gallerie d’arte italiane ed estere. Se volete scoprire altre curiosità su quest’artista vi indichiamo l’indirizzo del suo sito.

https://francescarandi.tumblr.com/

Self portrait Randi

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

On Key

Articoli correlati